Neoplasia intraepiteliale vulvare

introduzione

Introduzione alla neoplasia intraepiteliale vulvare

La neoplasia intraepiteliale vulvare è un gruppo di lesioni vulvari, che sono lesioni precancerose del cancro vulvare, tra cui displasia epiteliale vulvare e carcinoma in situ. La displasia della pelle vulvare o dell'epitelio squamoso della mucosa inizia con lo strato basale. Quando il grado di iperplasia atipica aumenta, si espande verso l'alto e aumenta il livello.Inoltre, in base all'anomalia della disposizione cellulare, la displasia cellulare si trova nella citologia patologica. L'estensione e la portata della divisione sono divise in I, II e III (cioè, leggero, medio e pesante).

Conoscenza di base

Rapporto di malattia: 0,01% -0,02%

Persone sensibili: donne

Modalità di infezione: non infettiva

Complicanze: carcinoma a cellule squamose invasive precoci della vulva

Patogeno

Cause di neoplasia intraepiteliale vulvare

La causa non è stata completamente compresa. Le moderne tecniche molecolari hanno scoperto che l'80% di VIN è associato all'infezione da HPV (tipo 16). Altri fattori di rischio includono malattie a trasmissione sessuale, lesioni simil-tumorali simili al tumore, immunosoppressione e fumo.

Prevenzione

Prevenzione della neoplasia intraepiteliale vulvare

Esame fisico regolare, diagnosi precoce, trattamento precoce.

Complicazione

Complicanze della neoplasia intraepiteliale vulvare Complicanze del carcinoma a cellule squamose invasive precoci della vulva

Il cancro vulvare può verificarsi mentre la malattia progredisce.

Sintomo

Sintomi di neoplasia intraepiteliale vulvare Sintomi comuni Vulva pruriginosa vulvare bruciore irritante maglia fine a chiazze ... Danno vulvare

I sintomi del VIN non sono specifici: come la malnutrizione vulvare, sono principalmente prurito, danni alla pelle, sensazione di bruciore e ulcerazione. I segni a volte compaiono come papule o macchie, singole o multiple, fuse o disperse, grigie o rosa, e alcune sono leggermente più alte della pigmentazione superficiale.

Esaminare

Esame della neoplasia intraepiteliale vulvare

1, esame immunitario

2, biopsia patologica

Può essere colorato con blu di toluidina all'1%, essiccato e quindi decolorato con una soluzione di acido acetico all'1%. Se appare un'area blu scuro, indica cheratosi o ulcerazione. Il materiale nell'area di tintura profonda può migliorare il tasso di diagnosi. Biopsie multiple devono essere eseguite per escludere il cancro invasivo.

3, colposcopia

Può migliorare la sensibilità del rilevamento delle lesioni dei tessuti adiacenti.

4, altre ispezioni

Esame di secrezione, esame del marker tumorale, esame immunologico.

Diagnosi

Diagnosi e diagnosi di neoplasia intraepiteliale vulvare

diagnosi

1, esame patologico di biopsia

La biopsia multipla deve essere eseguita su qualsiasi lesione sospetta. Al fine di eliminare il cancro invasivo, è necessario determinare la profondità del materiale in base alle condizioni della lesione e generalmente non è necessario raggiungere lo strato di grasso sottocutaneo.

2. Diagnosi patologica e classificazione

(1) La neoplasia intraepiteliale squamosa vulvare è classificata in 3 gradi. VIN I: displasia lieve. VIN II: displasia moderata. VIN III: displasia grave e carcinoma in situ.

(2) La neoplasia intraepiteliale non squamosa della vulva si riferisce principalmente alla malattia della vulva di Paget. La caratteristica patologica è che lo strato basale può essere visto con grandi cellule irregolari facciali, ovali o poligonali. Il citoplasma è vuoto e traslucido, e la dimensione e la forma del nucleo Diverse colorazioni (le cosiddette cellule di Paget), la membrana basale epidermica è intatta.